Genitorialità

Seggiolini auto: in viaggio con sicurezza

seggiolini auto

Sapevate che la normativa 2017 in materia di sistemi di ritenuta per auto è cambiata? L’argomento dei seggiolini auto per bambini è diventato d’interesse del legislatore perché sono ancora troppi gli incidenti in cui bambini subiscono danni a causa di un mancato o carente utilizzo dei sistemi che ne preservano la sicurezza. Chiunque si guardi intorno potrà vedere piccoli di ogni età senza cinture e seggiolino viaggiare in braccio ad un adulto inconsapevole o noncurante del fatto che i bambini, in caso di incidente anche a bassa velocità, sono sempre quelli più danneggiati. Non importa quanto sia breve il tragitto da fare o quanto piano si vada, i piccoli devono essere correttamente posizionati e ancorati.

Le novità 2017

La prima grossa modifica riguarda il metodo di classificazione dei seggiolini auto. Il nuovo sistema non tiene più conto del peso del bambino, ma della sua altezza, per decidere quale tipologia di dispositivo montare. La seconda novità riguarda i cosiddetti rialzi, quei cuscini che vengono utilizzati per far in modo che il bimbo possa utilizzare la cintura di sicurezza dell’automobile posizionandola correttamente. Nel 2017 non sarà più possibile utilizzarli per bambini sotto i 125 cm, per i quali è richiesto l’utilizzo di dispositivi provvisti di schienale, utile soprattutto nel caso di urti laterali. Dall’estate non si potranno più vendere i rialzi privi di schienale, mentre chi già ne possiede uno omologato potrà utilizzarlo.

Sistemi di omologazione

Attualmente convivono in Italia due diversi sistemi di omologazione: ECE R44/03, ECE R44/04 e i-Size (UN R129). L’R44 cataloga ancora i dispositivi in base al peso del bambino, l’R19 in base all’altezza ed è come si è detto la normativa più recente. I genitori potranno decidere se acquistare e utilizzare dispositivi omologati secondo una di queste due normative.

Sanzioni più severe

Chi non assicura correttamente i bambini in auto rischia una muta da 80 a 323 euro e, nel caso in cui di infrazione ripetuta nel corso di due anni ci sarà la sospensione della patente da 15 giorni a 2 mesi.

Sanzioni ancora troppo poco severe, a mio pare, per chi mette consapevolmente a rischio la sicurezza di un bambino

You Might Also Like

2 Comments

  1. 1

    Concordo sulla poca severità. Per chi non usa il seggiolino bisognerebbe quantomeno ritirare la patente con multe dai 5000 euro in su…

  2. 2

Rispondi