Educazione e sviluppo cognitivo, FAMIGLIA

Litigio tra bambini sì o no?

litigio-bambini-litigare

litigio-bambini-litigare

Svelo subito da quale parte pende la mia opinione: litigio tra bambini sì.

Credo fermamente nel litigio come strumento educativo. Il valore di una “sana litigata” è altissimo negli adulti, figuriamoci nei bambini. Penso che sia dal confronto/scontro che questi imparino a gestire le proprie reazioni e relazioni con gli altri.

Dal 2003, anno in cui mi sono diplomata come “addestratrice cinofila per Per Therapy”, vivo il litigio tra bambini come le azzuffate che avvengono tra i cuccioli di animali che conducono una vita sociale. Litigi che spesso non si basano su delle motivazioni vere e proprie, ma più su un raffrontarsi per apprendere quali siano i limiti oltre i quali non bisogna andare.

Il confronto con gli altri bambini permette di comprendere, in modo tangibile, la condivisione di uno spazio, come per esempio, tutti i giochi presenti all’asilo nido non sono “miei”, ma ad uso di tutti i bambini e quindi a volte vanno ceduti, altre no. Il tutto, ovviamente, senza che degeneri in violenza.

Come genitore, professo lo “stare fermi ed osservare” – a volte sghignazzando, altre meno – come i bambini interagiscono tra loro e allo partire del nastro : “mamma, Lei ha fatto questo. Mamma lei mi ha detto quello” rispondo sempre con un “vedetevela tra voi”; intervenendo solo ed esclusivamente quando il litigio tra bambini si trasforma in un’azzuffata.

Una cosa che posso dire di aver capito nel guardare i loro atteggiamenti, è che le cause scatenanti dei litigi tra bambini sono pressapoco, sempre le stesse. Per i più piccoli il desiderio di volere il gioco nelle mani di un altro bambino con l’ “è mio” in loop, per i più grandicelli con la necessità di voler primeggiare.

Da mamma di due bambini posso dire con sicurezza che i litigi tra bambini fratelli sono senza dubbio i più “vulcanici”. Vuoi la maggior conoscenza, vuoi la lunga condivisione degli stessi spazi, vuoi un po’ di sana gelosia, spesso ciò che accade tra le 4 mura familiari risulta essere veramente qualcosa di esplosivo.

Più volte mio marito ed io ci siamo trovati a pensare di intervenire per mettere a tacere la disputa, in verità cerchiamo, nel più dei casi, di fare in modo che gestiscano tra loro il litigio; intervenendo solo quando la mole della maggiore non sovrasti, inevitabilmente, quella del minore o quando quest’ultimo, ancora piccino e con una non perfetta proprietà del linguaggio, tenti di risolvere la questione fisicamente, magari con morsi o pugni.

Da litigio tra bambini a momento formativo per la crescita

Sono fermamente convinta che il litigo fra bambini forgi il carattere e dia, una volta adulti, la capacità di distinguere tra libero arbitrio ed il bisogno di espressione del proprio pensiero. Per questo tendo, spesso con grandissima fatica, a non accusare mai nessuno senza aver lasciato il modo ed il tempo di tirar fuori le proprie ragioni e cerco di fare, non da paciere, ma da collante, creando subito un qualcosa che metta i bambini, nelle condizioni di doversi rapportare nuovamente: magari con un gioco.

Voi come vivete il litigio tra bambini, cercate di bloccarlo sul nascere oppure fate che si sfoghi per avere, poi, una naturale conclusione?

You Might Also Like

Rispondi